Voragine Manutenzione strada
Voragine Largo Somalia

IL QUARTIERE AFRICANO È IN GINOCCHIO: 2 VORAGINI NELL’ARCO DI POCHI METRI MANDANO IN TILT IL TRAFFICO

Lo scorso 24 luglio si è aperta una voragine nei pressi di Largo Somalia a causa del cedimento di un tratto di rete fognaria, che con la perdita di acqua ha provocato un vuoto sotto l’asfalto. Infatti, proprio in viale Somalia transita uno dei collettori fognari principali, che raccoglie le acque sporche dei palazzi. L’area era stata prontamente delimitata e chiusa al traffico veicolare, mettendo in ginocchio la viabilità della zona. Infatti, le autovetture provenienti da via Salaria erano costrette a girare su via di Villa Chigi, poi su via Alfonso Rendano e via Felice Anerio, per poter ritornare in direzione Viale Etiopia. Enormi i disagi causati soprattutto alla circolazione degli autobus di linea che rimanevano, a causa della sosta selvaggia, bloccati nelle vie laterali dove erano costretti a deviare, causando lunghissimi ingorghi. Anche per chi ogni giorno è costretto a muoversi per le strade del quartiere Africano con la propria autovettura era diventato impossibile non rimanere imbottigliato nel traffico. Contestualmente i residenti della zona avevano dovuto subire un aumento considerevole dell’inquinamento acustico e dell’aria. I commercianti, dal canto loro, avevano patito grossi danni, in quanto era diventato estremamente difficile raggiungere le attività lungo la strada.

Dopo lunghi mesi di disagi, senza vedere alcun intervento da parte degli operai di Acea, la partecipata che si occupa della manutenzione e della gestione della rete idrica ed elettrica nel Comune di Roma, la voragine era stata parzialmente riempita e rimaneva solamente una piccola area delimitata dai nastri arancioni. Tuttavia, il problema di stabilità del terreno si è aggravato ulteriormente quando il 7 dicembre scorso, a circa 60 metri dalla prima “buca”, verso via Salaria, si è verificato un secondo “sgrottamento”, causato dal cedimento di un altro punto della fognatura. Questa volta, addirittura, è stato necessario chiudere l’intera strada tra via Magliano Sabina e via Felice Anerio. In pratica, un ampio quadrante del quartiere è diventato off-limits e la circolazione, già caotica nelle ore di punta, è totalmente paralizzata. I disagi quotidiani per i residenti e i cittadini sono enormi.

A oggi non vi è alcuna certezza sulla data di sistemazione di questo tratto di strada e su una data di apertura. Non si vede nessun operaio o mezzo al lavoro. Non resta che sperare che l’amministrazione comunale intervenga più prontamente ed efficacemente rispetto al passato, quando in situazioni analoghe, come ad esempio con quanto accaduto a Via Alessandria, si è intervenuti con estremo ritardo.

La nostra Consigliera Federica Serratore, residente della zona, ha già avviato il dialogo con residenti e commercianti per capire al meglio la situazione e i danni causati dalla situazione, in modo da poter sollecitare al più presto le autorità del Comune.

About Lorenzo Cevenini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *