LA MALA EDUCACIÓN: Le scandalose dichiarazioni di Alfredo Peroso su movida e donne

Nella calda estate elettorale tutto fa campagna e nel municipio ospitante tre università, diversi licei e istituti tecnici, accademie e centri di aggregazione per giovani, non può non inasprirsi il dibattito sulla Movida. Per i nostri amministratori, a due mesi dalle consultazioni elettorali, riuscire a barcamenarsi in un tema che vede contrapposti gli interessi degli esercenti, la voglia di ritornare a vivere la socialità dei giovani e le richieste di ordine dei residenti risulta molto difficile: ci hanno provato il consigliere capitolino Orlando Corsetti, storico paladino del rigore e dell’ordine, e la presidente Francesca Del Bello, con un incontro pubblico nell’area di piazza Bologna lo scorso 1° luglio. Nelle intenzioni degli organizzatori, doveva essere un punto di partenza per l’analisi del fenomeno e per trovare una mediazione tra i diversi interessi e istanze con l’ausilio dell’amministrazione, ma l’incontro si è trasformato in una specie di gogna pubblica dove sul banco degli imputati si trovavano immaginariamente giovani e commercianti e nel ruolo di accusatore e giudice parte dell’universo delle associazioni di quartiere e antimovida. Un trionfo di retoriche qualunquiste e luoghi comuni per ribadire e portare avanti il progetto di un Proibizionismo de noantri. Il simbolo negativo di questo incontro sono le dichiarazioni di Alfredo Paolo Peroso, presidente del comitato “amici di Porta Pia e Piazza Caprera” e vicecoordinatore della consulta delle associazioni del Municipio II. Arringando la folla Peroso dichiara “se una ragazza consuma alcol nel 2021 allora questa è una poco di buono o dai facili costumi” ed ancora “se una ragazza offre da bere a un amico maschio allora è solo per fargli avere un’erezione più duratura”. Se è superfluo ribadire la nostra aperta condanna a tali dichiarazioni e alla mentalità complice che pervadeva la folla plaudente di Peroso, è invece necessario ribadire perché condanniamo questo intervento. Innanzitutto il sessismo e paternalismo di chi pensa che le donne non siano libere di autodeterminarsi e che siano una sorta di demone tentatore, delle poco di buono in quanto non inquadrabili nello schema di donna/angelo del focolare; seconda obiezione riguarda il fatto che Peroso non si sia soffermato tanto sulla problematica del rispetto dei regolamenti e quindi su chi ipoteticamente somministra alcolici a minorenni. Non mancano poi obiezioni sul valore scientifico delle sue teorie in campo biologico. Se questa è la mentalità della folla di residenti antimovida allora condanniamo tutta quella folla a cui non importa progettare un modo diverso e responsabile di fare movida che concili le necessità di tutti, bensì imporre un regime di ordine e disciplina.

Chiediamo infine che il consigliere capitolino Corsetti, la Presidente del Municipio, gli amministratori che hanno presenziato, gli organizzatori dell’incontro e tutte le associazioni di quartiere che hanno partecipato si dissocino dalle infamanti dichiarazioni di Peroso, auspicando pronte dimissioni da parte di quest’ultimo dalla carica di vice portavoce della consulta delle associazioni del Municipio II.

About Daniele Intrieri

One comment

  1. Ho letto con raccapriccio l’articolo “la Mala Education”, non solo per quello che è stato dettp dal sig Peroso, ma per il contesto im cui è stato detto, che aveva tutt’ altra finalità che una disamina delle abitudini perverse femminili. Sono stata per molti anni vicepresidente della Consulta del Volontariato del II Municipio, e mai si era caduti così in basso, nè mai si erano espressi giudizi pseudomoralistici inutili e così dannosi. L’ attività della Consulta era volta alla creazione di rapporti fattivi e di incontro tra le criticità delle fasce più fragili della popolazione e le Associazioni che operavano nel Municipio, cercando di mediare tra realtà cittadina e Istituzioni, talvolta sorde alle istanze di quella popolazione.
    Non è quella del sig Peroso la rappresentazione della Consulta, di cui è indegno vicecoordinatore.
    Nel sostenervi nella richiesta di dimissioni di questo individuo, vi porgo i miei più sinceri augurii per il lavoro che fate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *